Virna Trivellato

Virna Trivellato

Uno dei problemi  più gravi che affliggono il nostro tempo non è, secondo me, la mancanza di tempo, bensì la mancanza di spazio.... Mancano lo spazio per le relazioni, lo spazio per parlare, lo spazio per condividere, lo spazio per incontrare davvero l’altro... e spesso manca lo spazio per noi stessi.
Questa settimana collaboro ad un articolo di Vincenzo Bilotta, autore del libro L'arte della consapevolezza in vendita su Macrolibrarsi con il quale ho avuto modo di tenere tempo fa una conferenza su EFT e PRESENZA MENTALE.
Tempo fa una amica mi ha chiesto cosa può fare per l’ansia megalattica…   La parola che ha usato mi ha fatto subito simpatia…   Quando faccio corsi o sessioni o tengo gruppi di EFT mi piace molto parlare delle emozioni. A volte pensiamo che le nostre emozioni siano sbagliate… o peggio, proprio perché proviamo una certa emozione pensiamo di essere noi “sbagliati”. Quante volte abbiamo provato rabbia, dolore, o altre emozioni e poi ci saremmo tirati una martellata sul piede perché magari il solo fatto di provare quella emozione non ci ha fatto comportare come vorremmo…?
E.F.T. LE ORIGINI E.F.T è una sigla. Il suo significato, tradotto in italiano, è: Tecniche di liberazione emozionale. EFT è una tecnica, o meglio un insieme di tecniche di auto aiuto ideate dall’ingegnere statunitense Gary Craig, nel 1995, a partire dalla Terapia dei Campi Pensiero dello psichiatra Roger Callahan. COME FUNZIONA? Il metodo si basa sulla stimolazione di una serie di punti del corpo connessi con la rete dei Meridiani (Medicina Tradizionale Cinese) mentre si ripetono frasi utili a tenere la mente  focalizzata sulla tematica da trattare.
  E. F. T. è un’arte che sta trovando sempre più diffusione nel mondo, come semplice metodo di auto- aiuto. La sua storia inizia nel 1995 grazie alla fortunata scoperta di un ingegnere statunitense, Gary Craig.. Ma cosa significa E.F.T.? Per farla breve è la sigla di Tecniche di liberazione emozionale, e che nel suo nome ci sono molti suggerimenti per comprendere che cosa realmente è e come agisce. EFT è una tecnica, ma ancor più un insieme di diverse tecniche che presuppone una visione olistica dell’individuo, cioè considera la persona come un insieme complesso di mente, anima, corpo ed ENERGIA. Nell’universo infatti tutto è energia e allo stesso modo anche nel corpo umano scorre energia. Secondo i principi della medicina tradizionale cinese è possibile identificare un complesso sistema di circuiti energetici che viaggiano nel corpo, detti meridiani. Non possiamo vedere a occhio nudo l’energia che scorre nei meridiani, ma possiamo renderci conto di come scorre dagli effetti che manifesta ogni giorno nella nostra vita. Perchè EFT funzioni non serve conoscere approfonditamente i meridiani energetici, però è interessante sapere che essi attraversano il nostro corpo e che i meridiani principali sono 14. Esistono dei collegamenti tra i meridiani e l’epidermide, chiamati agopunti, che sono poi i punti comunemente utilizzati nella pratica dell’agopuntura. Ciascun meridiano prende il nome dall’organo o dal sistema cui è collegato e uno squilibrio energetico a livello di quel meridiano può portare uno squilibrio in quel organo o sistema. La scoperta alla base di EFT è che “la causa di ogni emozione negativa è un’interruzione nel sistema energetico del corpo.” Le emozioni sono un complesso sistema di comunicazione fra la nostra parte inconscia e quella conscia. Sono un spia luminosa che ci comunica sempre qualcosa su noi stessi e sulla nostra visione del mondo. L’emozione infatti è sempre una conseguenza, mai una causa. Essa emerge da qualcosa che abbiamo “incontrato” sul nostro cammino e che possiamo chiamare “attivatore”.  In realtà non ci sono emozioni giuste o emozioni sbagliate, bensì emozioni adeguate ad uno stimolo ed emozioni inadeguate. Se la nostra reazione è adeguata vuol dire che siamo sintonizzati nel presente e stiamo affrontando un evento nel nostro Qui e Ora, avendo a disposizione tutta la nostra libertà di azione. Se stiamo provando un’emozione negativa essa ci comunica qualcosa su di noi e sul modo in cui stiamo rapportandoci all’evento. Se non riusciamo a gestire l’evento perché esso non è “digeribile” all’interno della nostra visione del mondo, per il livello di consapevolezza che abbiamo in quel momento, oppure se la nostra reazione viene caricata di informazioni (energia) non digerite del passato o di ansie rispetto al futuro, noi scivoliamo fuori dalla nostro Qui e ora e ci perdiamo nel passato o nel futuro e siamo portati a provare emozioni negative, dovute ad un’alterazione nel nostro sistema energetico. Le emozioni negative si manifestano sostanzialmente in tre modi: 1 come sentimento o stato emotivo disarmonico, 2 come disagio a livello mentale, 3 come disagio a livello fisico (es. tensione muscolare). Eft, nella sua forma base, combina la ripetizione di alcune semplici frasi per consentirci di restare focalizzati a livello mentale sul disagio che stiamo provando e la stimolazione di alcuni punti sui meridiani tramite l’uso delle dita per riequilibrare il nostro sistema energetico. Così facendo questa tecnica è in grado di aiutarci ad acquisire una maggiore libertà emozionale e maggiore consapevolezza rispetto agli eventi della nostra vita. Nella prima riga ho scritto che EFT è un’arte e lo penso davvero. Sono infatti moltissimi i modi in cui si è sviluppata e fusa con altre metodologie per il benessere, dalle più “sacre” alle più profane, passando dalla cosiddetta “eft giurassica” ad applicazioni sempre più creative. Quello che non è mai cambiato è la sua semplicità di base, che la rende un’efficacissima tecnica di auto-aiuto, utilizzabile anche dai bambini piccoli e un utilissimo strumento per operatori delle relazioni di aiuto. Per eseguirla basta focalizzare un disagio, preparare un’affermazione di partenza  personalizzandola a seconda del “problema che vogliamo trattare” ed eseguire una sequenza di picchettamenti, massaggi o semplice tenuta dei punti sui meridiani.   La frase di base si formula così: anche se ho………..(problema x), mi amo e mi accetto completamente e profondamente oppure anche se ho………(problema x), mi apro alla possibilità di amarmi ed accettarmi completamente e profondamente   La sequenza consiste nell’attivare i punti sui meridiani con Massaggio Picchettamento Semplice tenuta   In maniera assolutamente libera.   Generalmente però, soprattutto le prime volte, si parte con la preparazione sul punto Karate, indicato nella figura allegata (che altro non è se non il punto con cui sferrano il colpo coloro che praticano Karate) e andando dall’alto verso il basso nella seguente successione:   sopra la testa sopracciglio lato dell’occhio sotto l’occhio sotto il naso mento clavicola sotto il braccio sotto il seno   pollice indice medio anulare mignolo   Durante la sequenza è importante seguire ciò che emerge e continuare a picchiettare su quello restando sintonizzati…   Prima di iniziare a lavorare conviene identificare il disagio e misurarlo, secondo la scala SUDS, che ci consente di attribuire a ciò che sentiamo un punteggio soggettivo da 1 a 10.   Poi possiamo partire.   Quindi per esempio una sequenza tipo potrebbe anche andare così   Problema: sono arrabbiata con la mia amica X Punteggio 9   Punto karate  - Anche se mi sento molto arrabbiata con la mia amica x, mi apro alla possibilità di amarmi e accettarmi completamente e profondamente sopra la testa – mamma mia quanto sono arrabbiata, provo una rabbia 9 sopracciglio – non credevo di essere così arrabbiata lato dell’occhio – non è nemmeno la prima volta sotto l’occhio – e mi sento in colpa per questo sotto il naso – non vorrei litigare con la mia amica X mento – vorrei capirla di più clavicola – mentre a volte vorrei che sparisse sotto il braccio – a volte vorrei che lei mi capisse di più sotto il seno – non capisce niente   pollice – come quella volta che non mi ha ascoltata quando le davo dei consigli indice – mi sono sentita mortificata medio – vorrei solo che mi desse più considerazione anulare – ah che noia sta rabbia mignolo – mi arrabbio spesso   Questa sequenza è solo a titolo esemplificativo e spero possa farvi capire quante cose possono emergere durante l’applicazione di EFT su un tema specifico. E normale sia così.   Dopo un giro completo di eft l’intensità di ciò che avevo portato come disagio potrebbe essere sparita, scesa, essere rimasta uguale, oppure essere aumentata di livello. Ovviamente l’obiettivo è portare il disagio a 0. Nel primo caso va benissimo, e potrete applicare eft a qualcosa d’altro. Nel secondo caso è necessario fare ancora giri sul disagio focalizzato e seguire ciò che succede fino a completa risoluzione. Se nulla è cambiato forse avete scelto un problema troppo generico, ci sono altri aspetti da trattare perché il problema è bello “cicciotto” oppure datato nel tempo o si tratta di qualcosa “che ricapita” continuamente. Oppure potrebbe essere che non stiate applicando la tecnica in modo corretto o nel modo più adeguato a voi o potrebbe essere che da soli non siate in grado di trattarlo in modo adeguato, perciò è sempre utile ricorrere al consiglio di qualcuno di più esperto. Se l’intensità è aumentata, non spaventatevi, perché, come diciamo in gergo “avete pescato un pesce”, cioè avete centrato un argomento caldo sul quale probabilmente la vostra mente conscia aveva posto un velo di protezione; basta applicare Eft finché non riuscite a fare scendere l’intensità trattando tutto ciò che vi viene in mente.   Anche se questo articolo voleva solo essere un’introduzione all’arte di Eft spero di avervi instillato la curiosità necessaria affinché possiate approfondire il tema e trarne beneficio.    Virna Trivellato

Login

Sei un operatore del settore e non hai ancora un account?
Registrati!