Daniela

Daniela


Notice: Undefined property: Joomla\CMS\Object\CMSObject::$description in /home/guidaolistica/public_html/templates/purity_iii/html/com_k2/templates/default/user.php on line 59

microondeLa società moderna ci costringe ad andare sempre di fretta e ci lascia poco tempo per preparare pasti nutrienti per le nostre famiglie. A causa del loro tempo di cottura super veloce, i microonde hanno preso d'assalto il mondo.

altLo zenzero è comunemente usato in cucina come per scopi farmaceutici e medici. Lo zenzero, noto anche con il suo nome latino Zingiber officinalis, è spesso utilizzato in Asia per trattare la nausea o il mal di stomaco, di solito associata a sintomi post chirurgici, in gravidanza, nei postumi della chemioterapia, o nella cinetosi (mal d'auto).

ortoColtivare l'orto aiuta il benessere e il buon umore.
Le persone anziane che coltivano l'orto mangiano più verdure rispetto a quelli che le acquistano, migliorando conseguentemente il loro morale e il loro stato di benessere generale.
A questa conclusione sono arrivati due ricercatori americani sulla...

emotoEmoto, lo scienziato famoso per aver scoperto e studiato "la memoria dell'acqua", ha lanciato un appello a livello mondiale per aiutare il Giappone dalle conseguenze della catastrofe di Fukushima. Stiamo pubblicando questo in Guida Olistica perché crediamo fermamente che il potere della preghiera e dell'intenzione positiva, può incidere positivamente sulla popolazione del Giappone.

La carota è una pianta originaria delle regioni temperate dell'Europa, coltivata per le sue radici che vengono utilizzate a scopo alimentare sia crude sia cotte. E' una verdura, economica e  si mangia tutto l'anno. La carota è un ingrediente essenziale e popolare grazie al suo colore, alla sua croccantezza e al suo sapore dolce.carote

La carota dai tanti colori
La carota è particolarmente indicata per le molteplici proprietà benefiche.
Esistono molte varietà di carota e ogni varietà ha le sue caratteristiche specifiche. Le varietà di colore arancio e marrone contengono un maggior numero di vitamine rispetto alle varietà di colore giallo giallo o bianco, quest'ultima è meno interessante dal punto di vista nutrizionale. Le carote di color viola e marrone, contengono più beta-carotene rispetto alle altre perchè possiedono più pigmenti. La carota rossa contiene un carotenoide presente anche in pomodori e anguria. La carota nera infine, è ricca di antociani, che sono antiossidanti, combattono i danni provocati dalle radiazioni ultraviolette, aiutano per la fragilità capillare, per chi ha problemi di circolazione e di origine infiammatoria.

Le sue proprietà
La carota aiuta a combattere l'invecchiamento delle nostre cellule.
Inoltre, grazie alla presenza nella carota di carotenoidi, essa può contribuire a migliorare la vista. Infatti, queste sostanze filtrano la luce blu e hanno un effetto protettivo sulla retina e sulla cataratta.
Con l'assunzione delle carote si forniscono al corpo numerose vitamine e minerali: la vitamina A preziosa per la crescita ossea, la vista e la pelle e le vitamine B1, B2, B3, B6, C, E e K, fosforo, potassio, calcio e ferro.
Le carote inoltre regolano il transito intestinale poichè esse contengono fibre che aiutano contro la diarrea e la colite.
La carota, inoltre, essendo a basso contenuto calorico, non fa ingrassare. È bene tuttavia non consumarne in eccesso poichè può sovraccaricare il fegato e conseguente ingiallimento della carnagione.

Con la riflessologia plantare è possibile.

Sempre più si presta maggiore attenzione e importanza all'aspetto esteriore e la cellulite può divenire un problema che investe tutta la persona. Cattiva alimentazione, vita sedentaria, problemi circolatori, stress, sodio e fumo sono fattori che possono alterare le funzioni del corpo e far sopraggiungere la ritenzione idrica che può sfociare successivamente in cellulite. Per ridurla, spesso, si adottano diete impossibili e spesso nocive per il nostro benessere, poiché troppo brevi e drastiche; spesso poi, i chili persi, vengono riacquistati immediatamente nei mesi successivi.massaggio

Il trattamento Linfodrenante Holistic Slim Massage stimola e migliora il sistema linfatico. Il sistema linfatico è estremamente importante per il nostro corpo poiché lo difende dagli attacchi esterni determinando le difese immunitarie. Il trattamento Linfodrenante - Holistic Slim Massage agisce innanzi tutto sul sistema linfatico utilizzando la riflessologia plantare che è una tecnica appartenente alla medicina tradizionale cinese. Prima del trattamento vero e proprio, infatti, l’operatrice esegue una manipolazione su punti specifici del piede per agire in modo efficace sul sistema linfatico e quindi favorire la riduzione della cellulite. In seguito si procede al trattamento delle gambe attraverso una serie di tecniche. La linfa, elemento costitutivo del sistema linfatico, circola con estrema lentezza nei vasi linfatici, questa seconda fase del trattamento, dunque, è eseguita con molta delicatezza e i movimenti sono molto dolci, tanto che i clienti si rilassano completamente.

Dopo poche settimane di trattamento il sistema linfatico ne trae beneficio. Per avere maggiori informazioni potete visitare il sito www.naturalmentevita.net.


L’alimentazione riveste un ruolo particolarmente importante per la nostra salute fisica. Un’alimentazione adeguata, sana ed equilibrata può essere di grande aiuto per il nostro benessere.verdura

L’alimentazione va diversificata secondo l’età, il sesso, la statura, l’attività di una persona, il clima e l’ambiente in cui vive. Un’alimentazione sana deve essere completa e varia così da offrire tutti gli elementi indispensabili al nostro organismo. Non si può esagerare nel preferire o scartare un cibo in modo assoluto, perché ogni alimento ha la sua parte di utilità e nessun alimento è completo in se stesso. Basta saperli dosare con equilibrio.

5 regole per una buona e sana alimentazione.

  1. Amidi e proteine animali non si dovrebbero mangiare insieme durante lo stesso pasto perché gli amidi e le proteine animali hanno processi digestivi diversi tra loro e quindi si ostacolano a vicenda durante la digestione.
    Gli amidi si trovano in alimenti come: pane, riso, pasta, biscotti, polenta, orzo, miglio, avena, patate, fagioli, piselli, lenticchie, ceci, fave…
  2. È possibile associare proteine vegetali diverse, ma non si possono associare in uno stesso pasto proteine animali e proteine vegetali e amidi (legumi e cereali) possono far parte dello stesso pasto anche come “piatto unico” (es. riso e lenticchie o pasta e fagioli ecc.). Non si dovrebbero consumare proteine animali diverse (es. carne e latte, carne e uova, uova e formaggio, uova e latte ecc.). Le proteine animali richiedono diversi gradi di acidità in momenti diversi e quindi si ostacolano a vicenda durante la digestione.
  3. La frutta andrebbe mangiata sempre lontano dai pasti. Essa è di rapida digestione, quindi se viene mangiata da sola, lontano dai pasti, viene subito digerita e assimilata; se invece viene mangiata dopo o durante  i pasti, la sua digestione è rallentata dalla presenza di altri alimenti nello stomaco e ciò determina un processo di fermentazione.
  4. Non si dovrebbero aggiungere grassi alle proteine animali. Infatti le proteine animali contengono già i propri grassi, per lo più saturi, essi rallentano e fanno diminuire la secrezione dei succhi gastrici, rallentano la digestione degli alimenti proteici favorendo il fenomeno di putrefazione.
  5. Gli alimenti dolci vanno consumati lontano dai pasti, per due motivi:
    1 – perché in presenza di dolci la saliva diventa povera di ptialina (sostanza importante per la digestione degli amidi)
    2 – perché la presenza di dolci nello stomaco fa diminuire la secrezione di succhi gastrici, con conseguente rallentamento della digestione degli alimenti proteici.

 

Ingredienti per 6 persone

3 sfoglie già pronte possibilmente biologiche.

Per il ripieno:

200g di ricotta;

100g di spinaci bolliti;

100g di parmigiano grattugiato;

scorza di un'arancia grattugiata biologica;

noce moscata;

sale e pepe.

Per il sugo:pomodori

un cucchiaio di olio extravergine d'oliva;

500g di salsa di pomodoro;

sale e pepe;

Preparazione

Mescolare la ricotta, il parmigiano e la scorza grattugiata dell'arancia ed aggiungere il tutto agli spinaci bolliti e tagliuzzati. Aggiungere il sale, il pepe e un pizzico di noce moscata, usare questo ripieno per preparare i tortellini.

Ritagliare le forme della sfoglia con un bicchiere o meglio ancora con una formina, aggiungere un cucchiaio di ripieno e chiudere l'impasto.

Cuocere il sugo di pomodoro con l'olio di oliva extravergine ed un pizzico di sale.

Cuocere i tortellini, scolarli ed aggiungere il sugo di pomodoro.

Buon appetito.

Login

Sei un operatore del settore e non hai ancora un account?
Registrati!