Stampa questa pagina

La Riflessologia Plantare: come e quando funziona? In evidenza

Scritto da
  • dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Riflessologia perde di potenza se chi la riceve non è aperto al cambiamento, al desiderio di benessere, oppure se l'operatore, effettuando pressioni dolorose o fastidiose, persiste. Ciò crea tensione e chiusura al massaggio, che può avere così effetto opposto. 

Quando si parla di organi, di visceri ( precedente post sulla teoria dei 5 elementi ) è bene specificare che nei piedi non ci sono organi e visceri, ma riflessi, che attraverso una fitta rete di terminazioni nervose ( più di 7000 ) e stimolati con pressioni particolari del riflessologo, influenzano le diverse parti del corpo. 

La Riflessologia Olistica Plantare nonostante appartenga alla Medicina Tradizionale Cinese (MTC ) non può essere equiparata ad una cura medica, ad una terapia medica.

La Riflessologia ha la meravigliosa capacità di stimolare la consapevolezza di quanto siamo preziosi e di ricordarcelo quando lo dimentichiamo.

Il benessere può rinascere esclusivamente in concomitanza di una armoniosa sinergia tra cliente (ed il suo desiderio di bene ) ed operatore (sensibilità al tocco e ai bisogni del cliente ). 

Letto 2029 volte

Ultimi da Stefano Intintoli