Riscrivere gli Archetipi In evidenza

Scritto da
  • dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nel percorso di ascolto ed evoluzione personale possono essere osservati vari approcci e diversi modi di intendere la Complessità che noi siamo. Nelle proposte che man mano ho appreso e sviluppato, una grande importanza ha sempre rivestito la tematica della espressione personale e della libertà individuale.
In questo passaggio che ora vi presento, ho puntato l'attenzione su una parte, una dimensione, che non è stata approcciata direttamente in maniera rinnovata, al di là del grande studio che è stato fatto in termini che direi “classico”. L'archetipo è stato visto, spesso, come qualcosa di fisso ed immutabile, che emergeva nella nostra interiorità ma che, spesso, era passiva e quindi condizionata. Sono considerati come codici-comando che possono essere solo ricevuti, a livello consapevole od inconsapevole, ma non modificati. Ora posso suggerivi che vi sono diverse tipologie di archetipo, che individuo in base alla "vicinanza" o meno a dinamiche riconoscibili nel nostro comportamento quotidiano. Vi sono quindi archetipi che hanno una loro struttura semplice e basilare e quelli derivati da una evoluzione nel tempo di pensieri, comportamenti e tradizioni che appaiono più articolati. Quindi iniziamo ad introdurre il concetto che, a noi, risulta immediatamente utile intervenire sugli archetipi di livello più vicino alla nostra consapevolezza poiché sono quelli frutto di una più intensa manipolazione culturale. Negli articoli da ultimo pubblicati ho trattato alcuni archetipi centrali nella strutturazione della nostra quotidianità, interiore e di relazione: L'OBBEDIENZA DI ABRAMO ------------> a questa pagina LA PIETRA FILOSOFALE ---------------> a questa pagina IL DRAGO ED IL SUO TESORO -------> a questa pagina LA PIRAMIDE -------------------------------> a questa pagina IL DESTINO----------------------------------> a questa pagina L'UNIFICAZIONE----------------------------> a questa pagina LA FINE DEI TEMPI, IL SALVATORE---> a questa pagina LA CADUTA Ed IL PERDUTO EDEN----> a questa pagina IL MAESTRO ED IL DISCEPOLO-------> a questa pagina LA GRAZIA DIVINA---------------------------> a questa pagina ho iniziato, per quanto possibile, una esplorazione degli stessi. Gli articoli sono un po' lunghi ma spero vi risultino chiari i passaggi che intendevo trasmettere. Nel mio lavoro però solo una parte può essere svolta per iscritto poiché in questo modo non è possibile trasmettere il pieno del processo di riscrittura che, almeno personalmente, sperimento ed adotto. La riscrittura si intende possibile all'interno del proprio panorama interiore ed offre una immediata modifica di alcune spinte (spesso inconsapevoli) che poi condizionano le nostre scelte coscienti. La riscrittura nel collettivo, invece, è qualcosa che emerge man mano che i singoli modificano in una dinamica di co-creazione. Noi siamo sia "terminali" che "elaboratori-costituenti" del sistema complessivo. Se però non adottiamo delle specifiche scelte, diveniamo passivi e manipolati da spinte invisibili. Se riacquistiamo la coscienza di essere elaboratori e contributori del sistema, possiamo interagire e migliorare, accelerando tutto il processo di crescita individuale e collettivo. Chi ha già lavorato con convinzioni e credenze ed attraverso la liberazione dei traumi e memorie emozionali, non si troverà a ripetere le medesime procedure. Già ho scritto varie volte che distinguere tra emozioni e pensieri può creare una inefficienza nella comprensione ed intervento su di sé, perchè queste sono “un campo unico”. In questo campo unico entrano anche gli archetipi, che sono una rappresentazione di una dimensione molto più ampia di quella percepibile direttamente. Ho parlato di archetipi come icone sul desktop di un pc: il software è ben altro e risiede su un altro livello di approfondimento. Se le emozioni e le credenze mentali sono molto vicine al nostro quotidiano, gli archetipi risiedono ad un livello/dimensione leggermente diverso e quindi compenetrano ed influenzano sia il campo emozionale che mentale. Attraverso gli archetipi si può iniziare ad esplorare, come fossero dei portali, il campo intelligente della consapevolezza collettiva dal quale tutti dipendiamo (in larga misura) e nel quale tutti contribuiamo. Portare conoscenza e consapevolezza, oltre che iniziare ad ascoltare come gli archetipi influiscono su di noi, potrà aprirvi ad un orizzonte davvero meritevole di esplorazione. Vi è in gioco niente di meno che la vostra libertà di espressione, nonché di pensiero ed azione. Merita di essere conosciuto, seppur considerando che quanto vi offro è sempre e comunque uno stimolo nella vostra personale ricerca. L'uso degli articoli ha l'indubbio vantaggio di divulgare informazioni senza alcun costo ma è anche vero che la loro incisività arriva sino ad un certo limite. Ecco perchè nelle iniziative pubbliche, che siano serate o giornate, implemento quando scrivo con tutta una serie di stimoli che sono più ampi ed efficienti. A queste occasioni invito coloro che vogliano beneficiare della mia esperienza in questo ambito, unito a tutta una serie di stimoli sui tanti piani e dimensioni che ognuno di noi vive e possiede in sé. Potrete trovare tutte le informazioni nella pagine degli eventi e poi nelle pagine di approfondimento sul singolo appuntamento.  

Login

Sei un operatore del settore e non hai ancora un account?
Registrati!