Mercoledì, 31 Gennaio 2018 20:02

Aiutiamo il nostro organismo a star meglio con l’aloe vera In evidenza

Scritto da
  • dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
star bene con l'aloe vera star bene con l'aloe vera bstad, pixabay

Ormai è più che noto che questa pianta possegga dei principi attivi utili ed efficaci per il benessere dell’organismo tanto da essere annoverata tra i migliori rimedi naturali. Le proprietà ed i suoi benefici sembrano praticamente illimitati.

Proprio per le sue caratteristiche uniche, questa pianta è stata classificata a livello botanico in una famiglia tutta sua, chiamata Aloacea.

Vediamo in dettaglio quali parti della pianta vengono utilizzate per poter fruire pienamente di tutte le sue caratteristiche.

Sostanze e nutrienti

L’aloe vera è composta da una miriade si sostanze attive e nutrienti tra cui diverse vitamine (compreso l’acido folico), sali minerali quali potassio, magnesio, selenio, rame, ferro, calcio, fosforo e zinco; diversi tipi di enzimi e aminoacidi essenziali; alcuni polisaccaridi e ormoni vegetali e alcuni acidi organici molto utili: l’acido aloetico che ha una funzione antibiotica, l’acido cinnamico che ha un’azione antisettica e l’acido salicilico che rappresenta un antinfiammatorio.

Ma quali sono allora i benefici di questa pianta sul nostro organismo? Come abbiamo detto sono molteplici e riguardano:

  • il contrasto dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule, dei tessuti e degli organi. L’aloe è quindi un antiossidante formidabile.
  • la funzione antibiotica e antibatterica: abbiamo già detto degli acidi organici che in sinergia offrono una protezione contro batteri, funghi e virus.
  • rafforzamento del sistema immunitario
  • contrasto delle infiammazioni specie quelle delle articolazioni e quelle muscolari
  • protezione della mucosa intestinale, il Ph dello stomaco, miglioramento dell’attività del colon e dell’intestino in generale regolando la flora batterica e riducendo quella putrefattiva
  • effetto cicatrizzante: efficace sia nelle lesioni interne di tutto l’apparato digerente sia in caso di ustioni esterne in quanto allevia il dolore e contribuisce a ricreare le cellule epiteliali
  • i suoi elementi insieme hanno funzione depurante e disintossicante aiutando l’organismo ad eliminare le scorie e le sostanze dannose accumulate
  • alcuni hanno anche parlato di una certa efficacia nel contrastare alcuni tumori o quanto meno come sostegno agli effetti negativi di cure oncologiche come radioterapia e chemioterapia, ma non si hanno certezze in merito.

Cosa assumere dell’aloe vera e in quali dosi

Anche se in commercio si trovano degli integratori in forma di capsule, i prodotti più efficaci per ottenere i migliori benefici di questa pianta sono quelli che vanno bevuti, come il succo di aloe vera, che si può bere in qualsiasi momento della giornata, poi ci sono il gel di aloe vera e il gel di aloe e miele.

Alcuni di questi prodotti possono essere freschi ma altri sono trattati con conservanti e additivi vari per poter avere una più lunga conservazione. E’ superfluo dire che i prodotti più freschi sono quelli più efficaci.

Quindi va valutato bene cosa si acquista ed in questo un aiuto viene dalla lettura dell’etichetta. Per meglio comprendere il significato di alcune di esse facciamo presente che quando si parla di “succo di aloe vera” si tratta di un prodotto ricavato dalla centrifugazione di tutta la foglia dalla quale si estrae poi in modo chimico l’aloina che si trova nella parte esterna della foglia; quando si legge “gel di aloe vera” vuol dire che esso è stato ottenuto dall’interno della foglia, dove non è presente l’aloina.

Il gel di aloe vera essendo un estratto diretto della pianta ha un sapore un po’ forte e difficile quindi da consumare da solo. Per questo motivo sono aggiunti di miele e altre sostanze come il rum per rendere il composto di più facile somministrazione.

Il gel di aloe vera va assunto la mattina a stomaco vuoto circa mezz’ora prima di fare colazione. Se necessario, si può estendere l’assunzione anche al pranzo ed alla cena, sempre con circa 30 minuti di anticipo sul pasto.

Le dosi consigliate vanno da un cucchiaio la mattina fino ad un massimo tre cucchiai considerando gli altri pasti principali.

Si conserva in frigorifero o, se necessario, si può anche congelare in quanto non si altera.

Consigli

Molti si avventurano nella preparazione di queste bevande, a base di aloe, in maniera casalinga e forse del tutto inadeguata. Internet è piena di consigli su come fare ma noi vogliamo evitare queste pratiche in quanto bisogna essere profondi conoscitori della pianta e dei metodi per estrarne il contenuto benefico: l’aloe, infatti, non è solo una pianta “magica” per tutto quello che si è detto prima, ma presenta anche i suoi rischi perché contiene delle sostanze tossiche ed irritanti come l’aloina che devono essere evitate nelle preparazioni di tutti gli estratti.

Infine, l’aloe è molto utilizzata in cosmesi, specie per aiutare la pelle a mantenersi elastica e giovane. Esistono in commercio tanti prodotti derivati da questa pianta ma di questo, forse parleremo un’altra volta.

Letto 118 volte

Login

Sei un operatore del settore e non hai ancora un account?
Registrati!